Sito Comune di Casazza (BG)

Successioni e certificati di destinazione urbanistica

Pubblicata il 02/01/2017

Anche il certificato di destinazione urbanistica (CDU) può essere sostituito, nei rapporti con la pubblica amministrazione, da un'autocertificazione. Il CDU rilasciato dal Comune, rientrando nel campo d'applicazione dell'art. 15 della Legge 183/2011, deve riportare, a pena di nullità, la dicitura "Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi".

Una conseguenza di questo fatto è l'impossibilità di richiedere il CDU esente da bollo per uso successione. L'esenzione dell'imposta di bollo trova il proprio fondamento nell’art. 5 della Tabella All. b) al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 che prevede infatti l'esenzione per "atti e copie del procedimento di accertamento e riscossione di qualsiasi tributo, dichiarazioni, denunzie, alti, documenti e copie presentati ai competenti uffici ai fini dell'applicazione delle leggi tributarie, con esclusione di ricorsi, opposizioni ed altri atti difensivi del contribuente".

Anche l'Agenzia delle Entrate si è uniformata a questo disposto prevedendo, nelle istruzioni per la compilazione del modello di successione approvato lo scorso 27/12/2016, la presentazione (facoltativa ma definita "opportuna") della dichiarazione sostitutiva di atto notorio dalla quale risulti la destinazione urbanistica dei terreni.

Per approfondimenti:

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Modello dichiarazione sostitutiva CDU.doc 49 KB

Categorie Informative

Facebook Google+ Twitter